Da Picci i nuovi sacchi termici Mucki
Per l'inverno 2014-2015 Picci ha studiato tutto il  necessario perché i nostri bambini possano trascorrere notti calde...
La nuova collezione invernale Picci
  L’inverno è alle porte ma noi non ci faremo certo trovare impreparati. Se c’è una cosa piacevole del freddo,...

Categorizzato per | Dormire bene, In Evidenza, Sonno bambini

Non voglio fare la nanna!

non voglio dormire

Ce l’avete fatta complimenti! Il vostro bimbo ha più o meno tre anni e ha iniziato a scoprire i piaceri del sonno, e, cosa che fino a ieri credevate assolutamente impossibile, quando si addormenta dorme come un ghiro.

Può succedere addirittura che dopo anni di insonnia vi troviate improvvisamente a dover svegliare il pargolo a cannonate, perché quando dorme, dorme così beatamente che non c’è nulla che possa turbare il suo sonno.

Vi apprestate quindi a stappare la bottiglia delle occasioni buone quando ecco sorgere un nuovo problema: non appena il crepuscolo si avvicina e la cena è stata fatta ecco che, come un mantra, inizia la straziante tiritera: “non voglio fare la nanna!!!”, “non voglio andare a letto!!!”.

Lo so, c’è da perderci la testa, voi lo sapete, lui lo sa, sta morendo di sonno, tempo un minuto di testa poggiata sul morbido guanciale e dormirà come un sasso. Eppure. Se per caso decidete di impuntarvi “subito a letto, fila!”, sicuramente sarete costretti ad assistere alla raccapricciante scena di urla in stereofonia e mal di testa assicurato per tutti.

Anche nel caso in cui invece decidiate di scegliere una strada più conciliante, sul genere “ancora 5 minuti e poi a letto” niente da fare, il capriccio è sempre dietro l’angolo, basta una virgola storta e…tragedia!

Che fare dunque?

Per prima cosa è importante ricordarsi che si è in buona compagnia, dai tre anni circa in poi si entra in una nuova era, quella dei mostri nascosti sotto il letto, delle ombre che si muovono, della paura del buio.

Ed ecco qualche consiglio pratico:

  • Quando arriva l’ora di andare a nanna, rallentate i ritmi, se vostro figlio capisce che andando a letto si perde la festa, di sicuro rafforzerà la sua convinzione che non è affatto il momento di dormire!
  • Istituite un pupazzo mangia mostri (una tigre, un orso, insomma inventatevi qualcosa di credibile), e raccontategli di come nel remotissimo caso che un mostro arrivi, ma i mostri non arrivano, i mostri non esistono! il pupazzo mangia mostri in ogni caso sarà sveglio a fare la guardia.
  • Se la paura del buio genera vero e proprio terrore allora può essere utile una lucina a portata di mano, che il bimbo possa accendere e spegnere in autonomia.
  • Fate in modo che il momento di andare a letto sia un momento gioioso, si può sempre giocare senza scatenarsi, ad esempio chi si lava per primo i denti, chi si infila per primo il pigiama, chi per primo si fa trovare a letto pronto vince una storia supplementare, e via dicendo.
  • Un momento di rilassamento condiviso prima di addormentarsi fa bene a tutti, può essere la lettura o il racconto di una storia, una canzone cantata insieme, ricordare insieme le cose belle e brutte della giornata, il training autogeno, decidete voi cosa più vi piace.
  • Occhio alla televisione, soprattutto se il bambino la guarda senza di voi. Anche le storie più banali potrebbero turbarlo. I bambini davanti alla TV sono come spugne, assorbono tutto, mentre prima di andare a letto sarebbe molto meglio che potessero scaricarsi delle ansie della giornata, magari chiaccherando nella penombra con la mamma o il papà.
  • Nel caso in cui vedete che è una serata no, di quelle in cui il capriccio è praticamente inevitabile, per esperienza personale mi sento di dire che è bene essere fermi ma cercare di non innervosirsi. Se il bimbo dice “non voglio andare a letto!” al posto di urlare “subito a letto senza storie!” si può tentare con la strada, “lo so che non vuoi andare a letto, lo capisco perché è stata una giornata splendida e nemmeno io vorrei che finisse, ecc…e domani sarà un’altra giornata splendida e faremo questo, questo e questo”, e nel frattempo portarlo a letto senza tentennamenti.
  • Mi raccomando niente storie paurose prima di addormentarsi e niente minacce tipo “se non dormi subito arriva la strega”, la cosa a mio parere migliore è di infondergli sicurezza, la notte è bella e dormire è un piacere, non c’è assolutamente niente da temere. Se avranno paura allora si che non vorranno più andare a dormire!!

Buona fortuna!

 

Related Posts with Thumbnails

3 risposte a “Non voglio fare la nanna!”

  1. Valeria Campana scrive:

    Ma sai che lo abbiamo appena ordinato anche noi! Allora mi dici che funziona? Attendo la consegna con trepidazione allora!

  2. chiara scrive:

    Noi per risolvere questo problema abbiamo comprato un letto a castello…per il momento la novità del letto funziona e spero duri ancora a lungo!

  3. Proverò a mettere in pratica qualche suggerimento. Ultimamente il mio piccolo sta facendo millemila capricci per andare a nanna.
    Grazie

Trackbacks/Pingbacks


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

I SONDAGGI DEL BLOG DELLA NANNA

Dormire con mamma e papà: favorevoli al co-sleeping?

View Results

Loading ... Loading ...