Da Picci i nuovi sacchi termici Mucki
Per l'inverno 2014-2015 Picci ha studiato tutto il  necessario perché i nostri bambini possano trascorrere notti calde...
La nuova collezione invernale Picci
  L’inverno è alle porte ma noi non ci faremo certo trovare impreparati. Se c’è una cosa piacevole del freddo,...

Categorizzato per | Ciucci

Togliere il ciuccio?

ciuccio

La suzione è il primo istinto di sopravvivenza di un bambino, e si manifesta già dentro la pancia della mamma intorno alla quindicesima settimana di vita! La suzione è un’attività sia funzionale, per un neonato è direttamente proporzionale alla sua sopravvivenza, ma anche gratificante, calmante, rilassante. Succhiare (il seno, il ciuccio, un pezzo di stoffa, la mano, il dito) aiuta il bambino nei momenti di difficoltà, lo aiuta a concentrarsi, soprattutto prima della nanna, lo rasserena e rassicura

Non possiamo quindi stupirci che l’abbandono del ciuccio si riveli spesso un’impresa molto ardua!! Niente paura però, ogni bambino avrà i suoi tempi ed i suoi modi, ma con il vostro aiuto anche il vostro bimbo riuscirà ad abbandonare il tanto desiderato oggetto.

In generale la regola vorrebbe che il ciuccio venga tolto tra i due e i tre anni (assolutamente prima dei quattro), e possibilmente non in comomitanza con grandi eventi per il bimbo come ad esempio la nascita di un fratellino/sorellina, l’ingresso a scuola, un trasloco, ecc…

Ecco qualche spunto per affrontare il distacco dal ciuccio:

  • Non toglierlo bruscamente, iniziare prima a ridurre l’uso del ciuccio, solo per la nanna o per i momenti di “grande crisi”, per esempio se il bimbo è molto arrabbiato o agitato, oppure se si è fatto male, ecc…
  • Mettere il ciuccio in un posto raggiungibile dal bambino e concordare delle regole per l’uso, in modo da responsabilizzare il bimbo
  • Nei momenti dei noia o di stanchezza, al posto del ciuccio provare a proporre la lettura di un libro insieme, una coccola, un gioco, qualcosa che distragga il bambino e gli faccia sperimentare nuove modalità di consolazione e rilassamento.
  • Meglio se possibile non forzare la mano, se il bimbo vuole assolutamente il ciuccio concederglielo ma con tempi stabiliti, come per esempio il tempo delle durata di una canzone, il tempo di arrivare in camera, ecc…chiedere poi al bimbo stesso di riporlo in autonomia, sapendo che nel momento del bisogno è sempre lì a disposizione.
  • Se va all’asilo/scuola materna, ricordatevi di avvisare le maestre, in modo che il distacco sia definitivo sia a casa che a scuola (anche se solitamente è a casa dove l’abitudine resiste per più tempo!)

Ecco qualche suggerimento invece per la parte “pratica”:

Quando capite che il vostro bimbo è pronto proponetegli un modo fantasioso per liberarsi del/dei ciucci.

  • Prima di tutto se ne ha più di uno, inziate a ridurre drasticamente il numero, uno si è rotto, uno si è perso, ecc…
  • Lasciare il ciuccio a babbo natale: questo è un evergreen tra i metodi per disfarsi del ciuccio. Lasciamo il ciuccio a babbo natale e in cambio riceviamo un bel regalo!
  • Lancio del ciuccio: questo può servire anche come gesto liberatorio, il lancio del ciuccio dalla finestra o comunque da un posto alto. Non fate vedere al bambino dove atterra il ciuccio e provvedete a farlo sparire! Potete poi raccontargli la storia dell’uccellino che aveva tanto bisogno di un ciuccio per i suoi piccoli e l’ha preso al volo per portarlo nel suo nido e ora sono tutti contenti e felici…
  • Regalare il ciuccio a un bimbo più piccolo: questo fa parte del discorsetto, ormai sei grande, fai cose da bimbi grandi, e c’è quel bimbo piccolo che ha tanto bisogno del ciuccio e non ne ha neanche uno…
  • Vacanze: le vacanze sono un ottimo espediente per l’abbandono del ciuccio, si cambiano i ritmi, ci sono moltissimi spunti nuovi, la famiglia è tutta insieme riunita. Se ci sono anche bambini più grandi che non lo usano, approfittatene per prendere spunto!
  • Fantasia: in generale i bimbi adorano le storie, quindi se siete genitori paricolarmente fantasiosi potete inventare ogni tipo di storia su chi e cosa potrebbe avere bisogno del ciuccio, la fatina dei ciucci, il topolino, il ciuccio stesso che è tanto stanco di essere sempre succhiato, c’è solo l’imbarazzo della scelta

Ultimo personalissimo consiglio: non tornate indietro!! Siate decisi e tranquilli, i vostri bimbi si fideranno di voi.

E voi? Come avete fatto? Avete suggerimenti da condividere?

 

Related Posts with Thumbnails

Una risposta a “Togliere il ciuccio?”

  1. Ilenia scrive:

    Ciao,
    ho due bambini
    e come è già stato detto più volte, non è possibile mettere in pratica le stesse regole perchè spesso sono diversi tra loro,
    ed infatti con la bambina ho iniziato all’età di 5 anni, per attendere la fine di un periodo particolare, la nascita del fratellino e un’intervento chirurgico, a tenere il ciuccio sotto il cuscino insieme al pigiamino, dicendole che poteva usarlo la sera per addormentarsi, così è stato, la mattina lo lavavo e lo rimettevo sotto il cuscino.
    In verità (adesso ha 10 anni), non ricordo il momento che ha smesso di usarlo, è stato naturale e indolore.
    Con il bambino, che ora ha 5 anni, non riesco in nessun modo a fare la stessa cosa, stò ancora brancolando tra un espediente ed un altro fallendo ogni volta, mi ripeto che all’altare non andrà con il ciucio in mano, spero, e che in qualche modo prima o poi faremo, ma il non riuscirci in tempi ragionevoli mi stà avvilendo un pò.
    Un abbracio a tutte le mamme
    Ilenia

Trackbacks/Pingbacks


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

I SONDAGGI DEL BLOG DELLA NANNA

Dormire con mamma e papà: favorevoli al co-sleeping?

View Results

Loading ... Loading ...