Da Picci i nuovi sacchi termici Mucki
Per l'inverno 2014-2015 Picci ha studiato tutto il  necessario perché i nostri bambini possano trascorrere notti calde...
La nuova collezione invernale Picci
  L’inverno è alle porte ma noi non ci faremo certo trovare impreparati. Se c’è una cosa piacevole del freddo,...

Categorizzato per | Idee per la nanna, Pannolini

Togliere il pannolino di notte, come fare?

 come togliere il pannolino di notte

Togliere il pannolino è un grande traguardo, sia per i bambini che per i genitori, perché rappresenta una tappa importante nella crescita e nel raggiungimento della loro autonomia. Ma anche quando è stato semplice abituare il piccolo a fare la pipì nel vasetto di giorno, può non esserlo altrettanto di notte.

Questo si verifica perché di notte le barriere psichiche sono meno forti, e i turbamenti e le paure che il bambino riesce a contenere di giorno escono fuori più facilmente durante il sonno. Inoltre si tratta di acquisire nuove e diverse abitudini e consapevolezze. Perciò può capitare che molti bambini restino affezionati al pannolino di notte molto a lungo, anche fino ai 3-4 anni, sebbene sia consigliabile eliminarlo in contemporanea a quello diurno

Ma come per lo spannolinamento diurno, anche per quello notturno bisogna innanzitutto avere pazienza e affrontarlo con gioia e serenità, senza frettolosità e senza trasmettere al bambino la propria ansia o frustrazione per il mancato risultato. Che anzi sarebbe solo quello di agitarlo e intimorirlo, rendendo il processo ancor più lento e difficile. Quindi niente rimproveri se durante i primi tentativi troviamo sempre il letto bagnato, niente commenti negativi, ma anzi cerchiamo di rassicurarlo sul fatto che sia assolutamente normale e che è capitato anche a noi quando avevamo la sua età.

E adesso che arriva la bella stagione, approfittatene per lasciare il vostro bimbo in piena libertà! Le lenzuola asciugano in fretta, e con qualche accorgimento vedrete netti miglioramenti nel corso di qualche mese. Come fare?

  • Create un rituale, una routine, prima della nanna: per esempio abituando il bambino a fare la pipì nel water dopo cena.
  • Evitate di dargli da bere molti liquidi nelle due ore che precedono il sonno.
  • Preparate il lettino con una traversa, preferibilmente traspirante e abbastanza spessa, posta sopra le lenzuola, così che se il bambino dovesse fare pipì le lenzuola potrebbero non bagnarsi neppure, evitando a voi un cambio completo di biancheria e a lui la mortificazione di vedere il letto bagnato.
  • Tenete a portata di mano vicino al letto un pigiamino di scorta e teli o asciugamani che potrebbero servirvi.
  • Puntate la sveglia un paio di volte nell’arco della notte per accompagnarlo in bagno, a intervalli lunghi più o meno uguali. In tal modo si abituerà ad alzarsi quando gli scapperà la pipì, finché non lo farà spontaneamente senza neppure svegliarvi! Ma se all’inizio farà i capricci, accarezzatelo dolcemente e non demordete.
  • Non arrabbiatevi assolutamente se all’inizio si bagnerà più volte, non fatelo sentire in colpa e non scoraggiatevi. Aiutatelo anzi a riconoscere e ad esprimere le emozioni, e quindi a liberarsene, puntando anche alla sua voglia di imitare i grandi.
  • Quando finalmente trovate il letto asciutto, date il via ai festeggiamenti! Anche le congratulazioni e i complimenti sono importanti, lo rassicureranno sul fatto che può farcela, e che anche la prossima notte sarà altrettanto bravo. 

Anna DC

Related Posts with Thumbnails

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

I SONDAGGI DEL BLOG DELLA NANNA

Dormire con mamma e papà: favorevoli al co-sleeping?

View Results

Loading ... Loading ...