Da Picci i nuovi sacchi termici Mucki
Per l'inverno 2014-2015 Picci ha studiato tutto il  necessario perché i nostri bambini possano trascorrere notti calde...
La nuova collezione invernale Picci
  L’inverno è alle porte ma noi non ci faremo certo trovare impreparati. Se c’è una cosa piacevole del freddo,...

Categorizzato per | Disturbi del sonno, Esperti di nanna

Causa sonnambulismo? Probabilmente un gene!

Abbiamo già parlato del sonnambulismo, malattia che coinvolge il 10% dei bambini, di cosa fare e cosa evitare di fare. Di solito i sonnambuli si alzano durante la notte e cercano di ripetere alcune delle azioni più comuni che di frequente si fanno durante la giornata, mettendo a volte anche in pericolo la propria incolumità! Per questo motivo vanno tenuti sempre sotto controllo! Molto spesso però vederli girovagare per casa mette ilarità! Le cause del sonnambulismo in realtà non sono ancora certe ma un recente studio attribuisce la causa del sonnambulismo ad un gene!

Infatti sembra che un difetto genetico del cromosoma 20, facilmente trasmissibile attraverso il Dna da padre in figlio, sia alla base del sonnambulismo! La scoperta è stata fatta da un gruppo di ricercatori della Washington University School of Mecidine guidati dalla prof.ssa Christina Gurnett e pubblicata sulla rivista scientifica Neurology.

E’ stato esaminato il codice genetico di una famiglia di sonnambuli per generazione e anche se i geni coinvolti devono essere ancora identificati tutti con precisione, i ricercatori possono però affermare che la base genetica del sonnambulismo si trovi proprio su un segmento del cromosoma 20 e che è quasi sicuramente coinvolto il gene dell’adenosina deaminasi, già noto per chi soffre di sonnambulismo.

I ricercatori dunque sperano di arrivare il prima possibile a definire la causa del sonnambulismo per riuscire a identificarne una cura e la prof. Gurnett dichiara: “Non sappiamo ancora quali dei geni presenti in questa regione sul cromosoma 20 sono responsabili del disturbo. Scoprirli ci potrebbe aiutare a identificare e trattare questa condizione”.

Immagini:
nanna.blogmamma.it

Related Posts with Thumbnails

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

I SONDAGGI DEL BLOG DELLA NANNA

Dormire con mamma e papà: favorevoli al co-sleeping?

View Results

Loading ... Loading ...