Da Picci i nuovi sacchi termici Mucki
Per l'inverno 2014-2015 Picci ha studiato tutto il  necessario perché i nostri bambini possano trascorrere notti calde...
La nuova collezione invernale Picci
  L’inverno è alle porte ma noi non ci faremo certo trovare impreparati. Se c’è una cosa piacevole del freddo,...

Allattare al seno, riduce le ore di sonno?

La mancanza di sonno è uno dei problemi di cui spesso i neogenitori si lamentano, soprattutto durante i primi mesi quando è necessario allattare il piccolo anche durante la notte. Questo è necessario perché, l’apparato digerente del neonato non è ancora pienamente sviluppato e dunque non è in grado si soddisfare le esigenze del piccolo. In più se il piccolo è allattato al seno, il latte materno è più digeribile di quello artificiale e dunque è normale che i piccoli si sveglino con una frequenza maggiore di quelli allattati con il latte in formula.

Per questo motivo molto spesso le neomamme pensano che proprio l’allattare al seno il piccolo possa essere “causa” di meno ore di sonno. In realtà, non c’è nessuna differenza in termini di mancanza di sonno per le mamme che allattano il proprio bambino al seno o con il biberon. A confermare questo è uno studio coordinato da Hawley Montgomery-Downs presso la West Virginia University da Morgantown che conferma come le neomamme che allattano al seno di notte dormono esattamente quanto le neomamme che, per scelta o per altri motivi, utilizzano il biberon e il latte in formula.

La coordinatrice dello studio dichiara: “Ci sono evidenze scientifiche riguardanti il fatto che i neonati allattati al seno risposino meno ma nessuno aveva indagato ancora sulle loro madri; dati alla mano, non abbiamo trovato differenze significative riguardanti il sonno delle neomamme in relazione a come nutrono il loro bambino” e continua “…Molte mamme rinunciano ad allattare al seno perchè sostengono che solo così riescono a riposare e a dormire di più ma il latte materno è così importante tanto per il bambino quanto per la madre che abbiamo voluto verificare, volevamo avere delle prove empiriche.”

Per affermare ciò sono state sottoposte ad osservazione 80 donne tra cui:
27 hanno allattato esclusivamente al seno per almeno 12 settimane;
18 hanno allattato esclusivamente con latte formulato;
35 hanno utilizzato entrambi i metodi di alimentazione.
A questo punto le neomamme hanno tenuto dei “diari del sonno” dove hanno riportato la qualità del sonno e il numero di volte che si svegliavano durante la notte, indossando anche dei dispositivi di controllo del sonno e segnalavano, durante il giorno, i momenti di sonnolenza.

“Non siamo in grado di dire esattamente perché non c’è differenza, ma le donne che allattano possono essere forse più riposate perchè non devono alzarsi e preparare il latte oppure perchè continuano a farlo rimanendo al buio nel loro letto ” ha detto Montgomery-Downs.

Dunque mamme, allattare al seno è un gesto meraviglioso e naturale, il più bel dono che una mamma possa fare al proprio piccolo dopo averlo messo al mondo, ed è per questo che è importante riuscire ad allattare il proprio bambino il più possibile, natura permettendo. ;)

Immagini:
medicoebambino.com
blogmamma.it
newsfood.com

Related Posts with Thumbnails

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

I SONDAGGI DEL BLOG DELLA NANNA

Dormire con mamma e papà: favorevoli al co-sleeping?

View Results

Loading ... Loading ...