Da Picci i nuovi sacchi termici Mucki
Per l'inverno 2014-2015 Picci ha studiato tutto il  necessario perché i nostri bambini possano trascorrere notti calde...
La nuova collezione invernale Picci
  L’inverno è alle porte ma noi non ci faremo certo trovare impreparati. Se c’è una cosa piacevole del freddo,...

Categorizzato per | Prima della nanna

Ha perso l’orsetto: cosa non fare

L’oggetto transizionale, viene scelto dal bambino in modo spontaneo e di solito lo aiuta ad affrontare il momento del distacco e ogni situazione che gli procura disagio, rassicurandolo perché sostituisce nella sua mente la figura della mamma. Il fatto stesso che il bambino cerchi di colmare il vuoto creato dall’assenza della mamma con un sostituto, ricreando la sensazione di sicurezza che gli dà il legame con lei, è molto positivo. Inoltre è indice di una certa autonomia e creatività in quanto il piccolo è riuscito a trovare da solo la soluzione ad un suo “problema”.

Ma se l’orsetto è stato smarrito? Abbiamo già visto insieme cosa sarebbe meglio fare, ora invece cerchiamo di capire cosa non fare:

  • non raccontare al piccolo una bugia, se l’orsacchiotto si è effettivamente perso, non bisogna illuderlo che sicuramente verrà recuperato, o che quando tornerà dall’asilo lo ritroverà;
  • è importante non prenderlo mai in giro, dicendogli ad esempio “Così non diventerai mai grande”, oppure “Nessuno dei tuoi amichetti farebbe così”. Per lui è davvero un dispiacere enorme.
  • non pretendere che gli passi subito, perché così si permette al bimbo di confrontarsi anche con emozioni negative senza reprimerle. E questo gli consentirà, più avanti, di superarle sempre più in fretta;
  • non imbrogliarlo sostituendo il suo orsacchiotto con un doppione, magari dicendo che è stato trovato. Si potrà invece presentare al piccolo un nuovo orsetto, dicendogli che è il fratellino di quello che non si trova;
  • non preoccuparsi se il bambino si mostra molto legato al suo orsacchiotto o lenzuolino perché, come abbiamo già detto, rappresentano il primo passo verso l’autonomia e il distacco dalla figura materna;
  • non avere fretta di eliminare l’oggetto transazionale in quanto il piccolo abbandonerà l’oggetto transazionale solo quando si sentirà pronto e lo farà a quel punto di sua spontanea volontà.

Ed i vostri bambini hanno un orsacchiotto del cuore che portano dappertutto? Vi è mai capitato di averlo perso? Cosa avete fatto?

Immagini:
sheknows.com
gosh.nhs.uk
pak.net

Related Posts with Thumbnails

2 risposte a “Ha perso l’orsetto: cosa non fare”

  1. trismamma scrive:

    Si, l’abbiamo dimenticato nel pullmann che dall’aereoprto ci portava all’hotel .. in TUNISIA!!!! Alle 23:00… traggedia… Abbiamo chiamato e provato a recuperarlo ma niente!
    Allora tanta pazienza detta la verità, l’abbiamo dimenticato , ne ho creato uno io con un ascigamano e la mia spallina del reggiseno… con la promessa che il giorno dopo ne avremo cercato uno nuovo. Abbiamo poi comprato un piccolo cammello che suonava musica araba!!!:-)

  2. Sarah scrive:

    La mia piccola ha una scimmietta, l’ha scelta lei in cartoleria. La lascia in casa facendo la nanna prima di andare all’asilo, ma appena rientra la cerca.. poi per dormire. Quando ho visto che ha iniziato ad affezionarsi e portarla a spasso alcune volte, le ho comprato un’altra (non sa che ha 2)..ma gliele cambio senza che si accorga per lavarla…. così entrambe hanno il suo odore e apparenza usata…. ( lei sa comunque che anche lei deve farsi il bagno )..

Trackbacks/Pingbacks


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

I SONDAGGI DEL BLOG DELLA NANNA

Dormire con mamma e papà: favorevoli al co-sleeping?

View Results

Loading ... Loading ...