Da Picci i nuovi sacchi termici Mucki
Per l'inverno 2014-2015 Picci ha studiato tutto il  necessario perché i nostri bambini possano trascorrere notti calde...
La nuova collezione invernale Picci
  L’inverno è alle porte ma noi non ci faremo certo trovare impreparati. Se c’è una cosa piacevole del freddo,...

Disturbi del sonno: come aiutare il bambino sonnambulo

Il sonnambulismo è un parziale risveglio durante una fase di sonno profondo priva di sogni. E’ quindi completamente sbagliata la credenza che i sonnambuli stiano mimando un sogno. Non sempre è facile rendersi conto che il piccolo che gironzola durante la notte è colto da una crisi di sonnambulismo.

Il sonnambulo si muove un po’ goffamente, ma riesce perfino a fare le scale ed evitare i mobili che trova sul suo percorso. Chiude e apre cassetti, porte e perfino il frigorifero, da cui si serve liberamente, va in bagno o decide di fare la pipì in un angolo della stanza. In genere gli occhi sono aperti, ma fissi, e il viso è privo di espressione. Se interrogato, risponde, spesso a monosillabi, ma anche con frasi brevi e logiche.

Nonostante tutto, se il sonnambulismo si manifesta tra i 3 e i 7 anni è considerato assolutamente normale, causato da una condizione di assestamento del sistema nervoso centrale. Ma allora come aiutare il bambino sonnambulo?

Molti esperti consigliano di non svegliare mai il sonnambulo; ma la direttiva non è così rigida. E’ pericoloso svegliare un sonnambulo adulto ma con un bambino si corrono meno rischi, perché è più facile tenerlo fisicamente a bada, anche se non è consigliabile portarlo al punto di perdere il controllo di se stesso. C’è chi invece sostiene che sia bene svegliare il bambino per interromperne il sonno e offrirgli la possibilità di iniziare un altro ciclo del sonno.

Comunque, svegliare un sonnambulo non è mai impresa facile, perché il suo sonno è particolarmente profondo. Il modo migliore per farlo è pronunciare il suo nome con calma finchè si sveglia. In ogni caso, è assolutamente sbagliato urlare, schiaffeggiarlo, scuoterlo, buttargli acqua in faccia in quanto le sue reazioni potrebbero essere violente. Non tentate di ostruirgli il cammino, a meno che si stia mettendo in pericolo.

La preoccupazione principale, infatti, deve essere quella di garantire la sicurezza del bambino, impedendogli di farsi male. Quando si alza, stiamogli vicino e a questo scopo molti genitori attaccano un campanello alla porta della camera del bambino che li avvisi se lui si alza ed esce dalla stanza, e tolgono dalla sua portata qualsiasi oggetto che costituisca un potenziale pericolo.

E’ importante che il bambino abbia ritmi di sonno regolari, in modo che non accumuli stanchezza. Se i sonnellini pomeridiani sono già stati aboliti, forse è il caso di ripristinarli. Un metodo che produce risultati soddisfacenti è quello di svegliare il bambino prima dell’ora durante la quale solitamente avvengono gli episodi di sonnambulismo. Per farlo, si deve avere la pazienza, per un paio di settimane, di registrare su un diario quanto tempo passa tra il momento in cui il bambino si addormenta e l’inizio della crisi.

Una volta individuato lo schema, si sveglia il bambino un quarto d’ora prima del tempo previsto per l’inizio dell’episodio di sonnambulismo, e lo si tiene sveglio per almeno 5 minuti. Dopo una settimana si sospende la “terapia”. Se si verificano altri episodi di sonnambulismo, si continua nei risvegli per un’altra settimana, altrimenti si tira un sospiro di sollievo. In molti casi, infatti, anche se non scompaiono del tutto, gli episodi tendono a diminuire notevolmente.

Verso i 7-8 anni il sonnambulismo scompare senza bisogno di alcun intervento medico. Solo nel caso in cui il bambino sia particolarmente agitato e incontrollabile, è consigliabile rivolgersi a uno specialista. In genere si ottengono buoni risultati con l’ipnosi, perché questa terapia consente di ridurre le fasi di sonno profondo.

Qualcuna di voi ha un bambino sonnambulo? Volete raccontarci la vostra esperienza?

Immagini:
theparentszone.com
associatedcontent.com
abc.net.au

Il Blog della Nanna ha carattere divulgativo. I punti di vista e le informazioni date non intendono in nessun caso sostituirsi al parere del medico, che invitiamo sempre a consultare in caso di dubbio.

Related Posts with Thumbnails

Una risposta a “Disturbi del sonno: come aiutare il bambino sonnambulo”

  1. jessica scrive:

    Salve,
    ieri notte ho capito che mio figlio soffre di sonnambulismo. Circa un mese fa si è verificato il primo episodio: si è alzato dal letto circa un’ora dopo aver preso sonno e si è fermato nell’ingresso, si è abbassato i pantaloni ed ha fatto la pipì. Aveva gli occhi aperti ma uno sguardo nel vuoto si è rialzato i pantaloni ed è andato a dormire. Ieri notte il secondo episodio: è venuto in soggiorno dove io e mio marito eravamo seduti, ci è passato davanti con occhi chiusi ed ha continuato a camminare verso la porta finestra che conduce al balcone, abbiamo subito capito che si trattava di un’altro episodio di sonnambulismo, l’ho accompagnato dolcemente al bagno facendogli fare pipì e sorreggendolo con una mano dietro alla schiena, finita la pipì è praticamente crollato tra le mie braccia come svenuto. Sensazione stranissima!

Trackbacks/Pingbacks


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

I SONDAGGI DEL BLOG DELLA NANNA

Dormire con mamma e papà: favorevoli al co-sleeping?

View Results

Loading ... Loading ...