Da Picci i nuovi sacchi termici Mucki
Per l'inverno 2014-2015 Picci ha studiato tutto il  necessario perché i nostri bambini possano trascorrere notti calde...
La nuova collezione invernale Picci
  L’inverno è alle porte ma noi non ci faremo certo trovare impreparati. Se c’è una cosa piacevole del freddo,...

Paura di stare da solo: come rassicurare il bambino prima della nanna

Per dormire serenamente, il bambino deve acquisire in modo graduale la certezza che la mamma lo ama incondizionatamente e che non lo lascerà per nessuna ragione. E’ solo nel momento in cui raggiunge questa fiducia che si delinea dentro di lui una sorta di “mamma interna”, un’immagine mentale della mamma che diventa una fonte autonoma di rassicurazione.

Dunque per rassicurare il bambino che ha paura di non ritrovare più la sua mamma, la prima cosa da evitare è irritarsi con lui al momento di andare a letto o durante i viavai notturni. Se siamo stizziti, irritabili, burberi, il piccolo percepirà il clima di ‘tempesta’ e la sua ansia sarà centuplicata dal dubbio che i nostri modi bruschi non siano dovuti a stanchezza, bensì al fatto che lo rifiutiamo.

Se lo rimproveriamo e ci mostriamo impazienti, non vorrà saperne di dormire. Penserà che vogliamo ‘liberarci di lui, e farà di tutto per accertarsi del contrario. Se invece saremo comprensivi quando protesta al momento di andare a letto, contribuiremo alla riuscita del suo sonno.

Da parte nostra, al momento della buonanotte, è importante non mostrarsi ancora più ansiosi di lui. Altrimenti, otterremo solamente che, a intervalli più o meno regolari, il piccolo si svegli, piagnucoli, si debba coccolare, si riaddormenti, atterri nel lettone, si metta di traverso con le gambe sulla pancia della mamma e la testa incuneata sotto le ascelle del papà. Al mattino, nessuno avrà dormito. E il livello di stress aumenterà di giorno in giorno.

Infatti i bambini che dormono nel letto dei genitori tendono a disporsi di traverso, in genere con la testa dalla parte della mamma e i piedi da quella del papà. I ricercatori sostengono che in tal modo si produce il cosiddetto ‘effetto pila’: il bambino si ricarica, mentre i genitori si scaricano. Gli accidentali parlano di polo positivo e polo negativo, i cinesi invece di yin e yang. Il risultato non cambia. Lui si sveglia ricaricato e riposatissimo, e noi con le pile scariche e le occhiaie… ;)

Immagini:
pediatrics.about.com
3daysleep.com
shopcrazy.com.ph

Related Posts with Thumbnails

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

I SONDAGGI DEL BLOG DELLA NANNA

Dormire con mamma e papà: favorevoli al co-sleeping?

View Results

Loading ... Loading ...