Da Picci i nuovi sacchi termici Mucki
Per l'inverno 2014-2015 Picci ha studiato tutto il  necessario perché i nostri bambini possano trascorrere notti calde...
La nuova collezione invernale Picci
  L’inverno è alle porte ma noi non ci faremo certo trovare impreparati. Se c’è una cosa piacevole del freddo,...

Categorizzato per | Fiabe per la nanna, Prima della nanna

Fiabe per bambini: “Come sono nate le farfalle”

Cosa c’è di meglio per favorire il sonno dei bambini che non leggergli una fiaba della buonanotte! Magari, mentre gliela leggete, provate a suggerire al piccolo di tenere gli occhi chiusi mentre lui la ascolta. In questo modo probabilmente riuscirà a rilassarsi meglio e quindi a scivolare più serenamente e agevolmente nel sonno. Ed ecco che oggi per la rubrica “Fiabe per bambini” vi racconto “Come sono nate le farfalle” che sono sicura piacerà molto ai vostri bambini così com’è piaciuta molto anche ai miei ;)

Tanti, tantissimi anni fa, una numerosa famiglia di bruchi si era trascinata faticosamente fino a una pianticella di lattuga che spuntava nell’orto del contadino Giosuè. Stavano quasi per iniziare il banchetto con quella delizia (per i bruchi la lattuga + come per noi il gelato al fiordilatte e cioccolato con sopra la panna e le amarene), quando arrivò Giosuè. Il contadino vedendo quei miserabili esserini nudi e striscianti (anche brutti a vedersi) che si apprestavano a inghiottire la sua lattuga, lasciandone solo qualche resto bucherellato, si infuriò e, quindi, senza troppo riflettere, si accinse a sterminarli.

Mentre i bruchi ignari banchettavano e l’ortolano Giosuè meditava sul modo di sopprimerli tutti in un colpo solo, giunse, chissà perché, nei pressi dell’orto, un vecchio barbone. Era un uomo poverissimo, che non possedeva assolutamente nulla, se si esclude gli stracci che indossava. Non aveva casa, non aveva denaro, non aveva alcun oggetto personale, neppure un rasoio per farsi la barba, e non aveva mezzi per spostarsi, neanche una bicicletta. Di suo aveva un nome: Romero.

Romero guardò Giosuè, poi vide i bruchi e capì gli intenti dell’ortolano. Non avrebbe saputo dire perché, ma sentì all’improvviso una compassione infinita per quelle povere creature, povere come lui, su cui stava per abbattersi la furia dell’ortolano. Prese quindi coraggio, si avvicinò all’uomo e gli disse: “Sono un mendicante e ti chiedo di farmi un’elemosina. Regalami questi bruchi. Dalli a me che non ho niente”.

Giosuè in un primo momento lo guardò e ascoltò indispettito, poi sentendo la modestia della richiesta, decise di accontentare il mendicante. Avrebbe preso due piccioni con una fava: si sarebbe liberato dei bruchi, senza neanche doversi scomodare ad ucciderli e avrebbe compiuto un gesto di generosità. E i gesti di generosità, lo sapeva bene, prima o poi ti ritornano con gli interessi. “Va bene”, disse Giosuè a Romero. “Prendili pure”. Romero con grande delicatezza prese tra le sua dita sporche tutta la famiglia di bruchi e si allontanò dall’orto, ringraziando con un cenno l’ortolano. Aveva fame e la gola secca per via della sete, ma non gli era neppure passato per la mente di chiedere qualcosa per sé. L’unica cosa che gli premeva davvero in quel momento era salvare i bruchi. Mise i suoi nuovi singolari amici in una delle tante tasche del suo abito malridotto e comminò alla volta del paese.

Era giorno di mercato proprio quel giorno e Romero doveva approfittare di questa occasione per procurasi un po’ di denaro. Stette al lungo con la mano tesa verso la gente che si muoveva tra i banchi del mercato per acquistare stoviglie, stoffa, frutta, dolciumi. Niente di niente. Nessuno usò il borsellino per aiutarlo. Allora, disperato all’idea che neppure quel giorno avrebbe potuto sfamarsi, decise di compiere un’azione orribile: rubare un pezzo di seta colorata da uno dei banchi del mercato. E così fece. Allungò la mano, rapidamente afferrò un largo pezzo di un tessuto variopinto, lucido, prezioso, e corse via. Ma il mercante, proprietario della stoffa, si accorse della manovra e urlando di rabbia iniziò a inseguirlo.

Corse molto Romero, corse con tutte le sue forze e riuscì a raggiungere il bosco che sorgeva nei pressi del paese. Si addentrò tra gli alberi, sentendo le gambe cedergli a causa dello sforzo. Si gettò a terra, stringendo tra le dita i pezzo di seta in cambio del quale sperava di procurarsi un buon pasto, e poi, vinto dalla stanchezza, si addormentò. Ma il mercante aveva deciso di non mollare così facilmente la sua preda: voleva raggiungere il ladro, consegnarlo alla giustizia e riprendersi la stoffa. Mentre Romero dormiva sfinito, il mercante arrivò nel bosco, e, sempre gridando per la rabbia che aveva in corpo, si diede a cercarlo.

Allora i bruchi uscirono dalla tasca del loro salvatore (aveva rubato è vero, ma a loro aveva salvato la vita) e pensarono di pagare il loro debito di riconoscenza. Se fossero riusciti a nascondere la stoffa, Romero sarebbe stato salvo. Non trovando la refurtiva il mercante non avrebbe potuto accusarlo di nulla. Ma come fare? Al più anziano venne un’idea, che convinse anche gli altri.

Tutti insieme, febbrilmente, iniziarono a mordere la stoffa, riducendola in tanti minuscoli pezzi. Poi ciascuno di essi si mise un paio di queste striscioline sulla schiena, per trascinarle lontano da Romero, in un luogo in cui il mercante non avrebbe potuto trovarle, né eventualmente metterle in relazione con il largo pezzo di seta che gli era stato rubato.

Iniziarono a strisciare trascinandosi sul dorso la stoffa in pezzetti, ma subito si resero conto che non avrebbero potuto fare molta strada. Erano piccolissimi e deboli e la seta, per quanto leggera, era comunque troppo pesante per loro. Una tristezza infinita entrò nel loro cuore: non avrebbero potuto salvare l’amico. Il bruco più anziano guardò verso l’alto e invocò: “Vento, vento cortese, aiutaci tu!”.

Il vento ebbe compassione dei bruchi generosi e pieni di buona volontà. Soffiò gentile, ma vigoroso fino a sollevarli da terra, per sospingerli lontano. I corpi dei bruchi si muovevano dell’aria e sul loro dorso si schiudevano pezzetti di seta variopinti. Era uno spettacolo bellissimo.

Al vento piacque questo aggraziato volteggiare. Gli piacque così tanto che fuse i pezzetti di stoffa sul dorso dei bruchi. Così nacquero le farfalle.

E Romero, naturalmente, fu salvo.

Spero vi sia piaciuta. E’ praticamente un’antica leggenda popolare straniera e se volete potreste divertirvi ad usare i nomi dei vostri bambini o dei loro amichetti in modo da farli immedesimare il più possibile con la storia…

Immagini:
images.com by Design Pics
images.com by Image Source
picture-book.com

Related Posts with Thumbnails

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

I SONDAGGI DEL BLOG DELLA NANNA

Dormire con mamma e papà: favorevoli al co-sleeping?

View Results

Loading ... Loading ...