Da Picci i nuovi sacchi termici Mucki
Per l'inverno 2014-2015 Picci ha studiato tutto il  necessario perché i nostri bambini possano trascorrere notti calde...
La nuova collezione invernale Picci
  L’inverno è alle porte ma noi non ci faremo certo trovare impreparati. Se c’è una cosa piacevole del freddo,...

Il pianto dei bambini durante la notte

In linea di massima, se il bambino scoppia a piangere durante la notte, bisogna accorrere. Nei primi mesi il pianto è quasi sempre una richiesta d’aiuto a cui è fondamentale dare ascolto. Il piccolo potrebbe avere fame, sentire troppo caldo o troppo freddo, oppure potrebbe essere infastidito da un ruttino che non riesce a uscire o, ancora, dal pannolino sporco.

Dai 7 mesi in poi il pianto assume un significato più ampio, legato per esempio alla paura dell’abbandono e al rapporto con gli estranei. I genitori, specialmente la mamma, sviluppano in modo naturale la capacità e la sensibilità per riconoscere i vari tipi di pianto del bambino e per dare risposte adeguate. A volte però si fanno cogliere dal panico e si pongono mille interrogativi sulle possibili cause. Dunque vediamo insieme come riconoscere il pianto dei bambini.

Se il bambino ha fame

Il pianto da fame compare a intervalli regolari dalle poppate e si placa quando il bambino viene alimentato. C’è poi il pianto dovuto agli “scatti di crescita”, che si verificano attorno al 2° mese e al 4° mese, in cui attraverso il pianto il bimbo esprime l’esigenza di prendere più latte.

Se il bambino ha sete

Il pianto da sete si presenta soprattutto in giornate particolarmente calde e quando il bimbo ha avuto un pasto troppo calorico o concentrato (per esempio eccessivo numero di biscotti secchi nel latte). In questo caso, sarebbe un errore fornire al bimbo altro latte: il bimbo si tranquillizza somministrandogli dell’acqua col biberon.

Se il bambino ha caldo, freddo o sonno

Vestiti troppo stretti, pannolino bagnato, caldo o freddo eccessivi, stanchezza, troppi stimoli ambientali: esclusa la fame o la sete, sono queste le altre situazioni più frequenti per cui il bambino si lamenta o piange.

Se il bambino ha dolore

La caratteristica distintiva del pianto da dolore acuto è che esso è più lungo del solito, più intenso e tipicamente inconsolabile. Il bambino strilla e tra gli urli ci può essere una fase di silenzio della durata di pochissimi secondi oppure singhiozzi alternati a brevi inspirazioni; di solito il viso diventa paonazzo. Tra le principali cause possono esserci:

  • Coliche gassose dei primi mesi, durante le quali il neonato emette urla acute, agita le braccia e le gambe e inarca la schiena, finché si calma all’improvviso. Il bambino scoppia a piangere di colpo e la crisi di pianto è più prolungata del solito (dura anche 10-15 minuti). Il bimbo piega le cosce sull’addome per ridurre la tensione sulla pancia e alla palpazione il pancino è piuttosto teso e dolente.
  • Dentizione che solitamente comincia verso i 3 mesi, quando, di norma, il primo incisivo centrale taglia la gengiva inferiore. In genere il bimbo presenta abbondante salivazione. Spesso si verifica un piccolo aumento della febbre e talvolta in concomitanza con la dentizione si nota un aumento degli episodi di scariche diarroiche.
  • Mal d’orecchio. Il dolore è continuo, intenso, compare spesso di notte. Allarma i genitori e porta quasi sempre a rivolgersi al medico. Il bimbo si porta la mano o le dita all’orecchio. Il pianto aumenta o è scatenato quando si tira leggermente il padiglione. Di solito nelle ore precedenti il bimbo era raffreddato.

Allora come affrontare e reagire al pianto del bambino?

E’ bene innanzitutto non porgere come prima cosa il latte o un biberon con acqua o camomilla, perché non sempre il bambino piange per fame o sete. L’importante è non lasciarlo piangere da solo per più di qualche minuto quando si intuisce che si è svegliato per una vera necessità, perché potrebbe avere la sensazione di essere stato abbandonato, a tutto discapito della sua serenità.

Nella maggioranza dei casi basta far sentire la propria presenza al bambino, coccolarlo e rispondere alle sue esigenze per veder passare il pianto. Porgergli l’aiuto che si aspetta significa trasmettergli quella sicurezza che costituisce un’ottima base per nanne tranquille nei mesi a venire. Dunque è importante che la mamma impari a comprendere se il pianto del bambino esprime una richiesta di aiuto oppure se si tratta di un piagnucolio fine a se stesso, che non richiede alcun intervento.

Fino a quando non si diventa esperte, può essere consigliabile attendere qualche minuto prima di raggiungere il bambino. Se il piccolo smette spontaneamente di piangere non è necessario andare da lui.

E voi mamme come vi comportate davanti al pianto dei vostri bambini? Sapete riconoscerlo? Avete avuto problemi i primi tempi? Raccontateci la vostra esperienza!

Immagini:
images.com by ImageZoo
images.com by Design Pics
images.com by Image Source

Related Posts with Thumbnails

3 risposte a “Il pianto dei bambini durante la notte”

  1. Alessia scrive:

    Ciao a tutte io ho un bimbo di 7 mesi e mezzo,e da qualche giorno si sveglia improvvisamente di notte piangendo senza aprire gli occhi. poi in questi episodi gli porgo il biberon del latte e si riaddormenta da solo senza fare storie….vi ringrazio in anticipo…

  2. alessandra scrive:

    io sono mammma di mattia ke ha 7 mesi da qualke settimana il mio bimbo non dorme più come prima.ha messo due dentini inferiori,e sta inossando quelli superiori,piange a dirotto nel sonno,e c’è modo di tranquillizzarlo a meno ke non lo sveglio e lo riaddormento tranquillo.il pediatra dice ke soffre di disturbi del sonno è ke è normale,ma a me tanto normale non sembra.le ho provate di tutte avete qualke consiglio per me grazie

  3. lucia scrive:

    io ho 3 figli e spesso ho notato che i bambini piangono perche’ si vogliono riaddormentare ed il pianto diventa piu’ insistente se tu nn li capisci e cerchi di fargli fare altre cose.

Trackbacks/Pingbacks


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

I SONDAGGI DEL BLOG DELLA NANNA

Dormire con mamma e papà: favorevoli al co-sleeping?

View Results

Loading ... Loading ...