Da Picci i nuovi sacchi termici Mucki
Per l'inverno 2014-2015 Picci ha studiato tutto il  necessario perché i nostri bambini possano trascorrere notti calde...
La nuova collezione invernale Picci
  L’inverno è alle porte ma noi non ci faremo certo trovare impreparati. Se c’è una cosa piacevole del freddo,...

Sonno bambini: si sveglia e vuole venire nel lettone!

Quante volte è capitato di sentirci chiamare nel cuore della notte da parte dei nostri bambini con la richiesta di venire nel lettone! Si tratta di un evento comune per ogni genitore. Spesso appena si lascia solo il bambino – anche se si è addormentato – percepisce l’assenza e si sveglia. Se il bambino dai 4-5 anni in poi si sveglia regolarmente la notte, quando si alza avanzerà anche delle richieste che se saranno soddisfatte, accettandolo nel lettone, capirà che se insiste l’avrà vinta; se invece lo si accompagna fermamente e dolcemente nel suo letto egli percepirà la fermezza di mamma e papà e avrà, col tempo, meno occasione di riprovarci.

Anche in piena notte (se si ha la forza) il solo atto di riportarlo nel suo letto è un’azione che scoraggia il piccolo a tornarci. In questo caso inoltre il bambino dormirà più a lungo e meglio nel suo letto. A proposito del lettone, è bene ricordare che occorre evitare che il bambino invada tutti i vostri spazi così come è meglio evitare che usi il vostro cellulare come fosse un suo gioco, che vi sequestri o nasconda le chiavi di casa nella sua stanza o manovri la televisione a suo piacimento.

Se il bambino è più grandicello e svegliandosi scende dal letto quando voi siete già coricati le cose si complicano. Il bambino ha magari dormito con voi in periodi o in momenti particolari o con degli orari limitati e questo può essere stato gratificante, ma diventando grandi nel lettone si sta sempre più stretti e si dorme sempre meno.

Infatti ci sono bambini che quando arrivano nel lettone si acquattano silenziosi e riprendono il sonno, in genere fino al mattino, altri invece più bisognosi di attenzione svegliano i genitori piagnucolando o fanno delle richieste che vengono in genere male accolte nel pieno della notte. Dunque il bambino che si agita è più facile da riportare nel suo lettino e aiutarlo a riprendere il sonno. Per farlo riaddormentare occorre comunque essere piuttosto fermi, rassicurandolo e lasciandolo addormentare da solo.

Naturalmente non esiste un sistema perfetto o infallibile per risolvere i problemi del sonno: se il bambino presenta un disagio questo va capito e non semplicemente negato. Per i genitori non esiste un atteggiamento consono ripetibile e i vari metodi e consigli che vengono proposti sono sempre imperfetti e non generalizzabili piuttosto forse bisognerebbe chiederci “il perché” di un determinato gesto.

E voi come vi comportate? Il vostro bambino si sveglia di notte e chiede di essere portato nel lettone con voi?

Immagini:
images.com by Design Pics
images.com by ImageZoo
images.com by Nikolai Punin

Related Posts with Thumbnails

3 risposte a “Sonno bambini: si sveglia e vuole venire nel lettone!”

  1. Diana scrive:

    Sono post un po’ vecchi, ma lasciare “invadere” il proprio letto si rischia di rovinare anche quel poco intimo che ci rimane ! Con calma e pazienza bisogna spiegare ai nostri piccoli che il dormire nel proprio letto giova solo che benefici, genitori e bimbi più riposati

  2. pinkluna scrive:

    A mio parere se non si fa una tragedia del fatto che voglia dormire nel lettone e si fa capire al bambino che “per stanotte vieni, ma ricorda che è un’occasione speciale”, farlo dormire coi genitori non sara’ un vizio, spesso hanno bisogno di essere rassicurati e non invadono certo nessuno spazio chiedendo un po’ di calore umano, i genitori dovrebbero amare i loro figli e non vederli come intrusi nelle loro vite e nei loro letti. Sono contraria all’insistere nel portarli al loro letto se piangono, hanno paura di qualcosa o simili, se di notte si sveglia e viene da voi lasciatelo dormire con voi dopo aver cercato di capire il problema e se il problema è risolvibile lo risolverete il giorno doopo parlandone insieme(stiamo parlando di bambini grandini in fondo capaci di capire e ragionare). Comunicare, parlare, non imporre e basta. I bambini non sono stupidi, solo inesperti e ignorano tante cose che noi sappiamo e gli dobbiamo insegnare con pazienza ed amore.

  3. Anna Maria scrive:

    Non condivido queste “istruzioni per l’uso” e invito a leggere il parere -scientificamente fondato- di un’esperta psicologa a proposito del sonno dei bambini che, vorrei ricordare, sono il nostro amore più grande e non dei piccoli tiranni profittatori come un’illogica controcultura continua a sostenere:
    http://bambinonaturale.it/detail.asp?IDN=30623

Trackbacks/Pingbacks


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

I SONDAGGI DEL BLOG DELLA NANNA

Dormire con mamma e papà: favorevoli al co-sleeping?

View Results

Loading ... Loading ...