Da Picci i nuovi sacchi termici Mucki
Per l'inverno 2014-2015 Picci ha studiato tutto il  necessario perché i nostri bambini possano trascorrere notti calde...
La nuova collezione invernale Picci
  L’inverno è alle porte ma noi non ci faremo certo trovare impreparati. Se c’è una cosa piacevole del freddo,...

Risvegli notturni bambini: la perdita del ciuccio

I risvegli notturni causati dalla perdita del ciuccio non sono certo un’eventualità remota, soprattutto se il bambino è nutrito con il biberon e quindi è costretto a poppate molto più brevi di quante non lo siano quelle dei bambini allattati al seno, che devono necessariamente succhiare con grande vigore per almeno una quindicina di minuti ogni pasto.

Secondo alcuni studiosi, il succhiotto permette al bambino di superare la possibile frustrazione che può derivare dalla velocità del pasto e, in più, consente di scaricare la tensione e il nervosismo, che anche i piccolissimi possono accumulare. Si tratta comunque solo di un’ipotesi, perché nella pratica si osservano bambini allattati al seno che strillano ogni volta che il ciuccio scivola fuori dalla bocca e bambini nutriti artificialmente che sono assolutamente indifferenti nei confronti della perdita del ciuccio.

Allora cosa fare?

In generale, se il piccolo è allattato artificialmente, è consigliabile usare una tettarella in cui è stato praticato un foro molto stretto. In questo modo, infatti, il bambino viene obbligato a succhiare più vigorosamente e per un tempo più lungo. Per quanto riguarda l’opportunità di rimettergli il ciuccio ogni volta che lo reclama, bisogna agire con buon senso, anche in base alla frequenza con cui avvengono i risvegli.

Se sono troppo numerosi è opportuno non accontentare il bambino ogni volta che reclama. Bisognerebbe cioè progressivamente abituarlo a riaddormentarsi anche senza ciuccio in bocca ed in questo caso ci vogliono pazienza e nervi ben saldi. Nell’arco di un paio di settimane di graduale rieducazione si possono veder i primi risultati soddisfacenti.

Esiste un trucco molto efficace, che si può adottare a partire dagli otto mesi di vita del bambino, se il piccolo si sveglia di frequente durante la notte solo per reclamare il ciuccio. Consiste nel mettere nel lettino 3-4 ciucci: in questo modo potrà riuscire a recuperarlo da sé, senza dover chiamare in aiuto mamma o papà!

Immagini:
images.com by Smart.MAGNA
jebandbecca.blogspot.com
webmd.com

Related Posts with Thumbnails

2 risposte a “Risvegli notturni bambini: la perdita del ciuccio”

  1. Paola scrive:

    Grazie Giovanna!…la mia piccola fortunatamente non si sveglia se perde il ciuccio durante la notte!!! Ha 2 anni ma acora la sera cerca il ciuccio per addormentarsi!!!

  2. giovanna scrive:

    Bello l’articolo…anche io ho questo problema, ormai Alfo si sveglia almeno una volta tutte le notti perchè ha perso il ciuccio. Dopo averlo ritrovato (ne ha due nel letto) si alza per trasferirsi nel lettone! E’ giunto il momento di togliere il ciuccio!

Trackbacks/Pingbacks


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

I SONDAGGI DEL BLOG DELLA NANNA

Dormire con mamma e papà: favorevoli al co-sleeping?

View Results

Loading ... Loading ...