Da Picci i nuovi sacchi termici Mucki
Per l'inverno 2014-2015 Picci ha studiato tutto il  necessario perché i nostri bambini possano trascorrere notti calde...
La nuova collezione invernale Picci
  L’inverno è alle porte ma noi non ci faremo certo trovare impreparati. Se c’è una cosa piacevole del freddo,...

Nanna e allattamento: la poppata notturna

allattare-al-seno-poppata della notte

Nel primissimo periodo dopo la nascita, la maggior parte dei neonati reclama la poppata sei volte nell’arco delle 24 ore, cioè circa ogni quattro ore, a prescindere dal fatto di essere allattati al seno o con il biberon. Il passaggio dai sei ai cinque pasti inizia, in genere, intorno ai quattro-sei mesi di vita. Il guaio, se così si può dire, è che a volte questa riduzione del numero delle poppate non è di sollievo per le mamme perché spesso il piccolo allunga l’intervallo tra i pasti del giorno, ma non rinuncia, invece, alla poppata notturna.

Nei primi mesi di vita il neonato cresce molto rapidamente e necessariamente deve mangiare spesso. Quindi va allattato ogni volta che “chiede” di mangiare. Ricorrere a trucchi, come quello di porgergli acqua o camomilla invece del latte, allo scopo di ingannare il suo appetito e le sue aspettative, non avrebbe alcun senso e, oltretutto, si rivelerebbe improduttivo. Si otterrebbe infatti solo il risultato di tranquillizzarlo per cinque minuti, trascorsi i quali ricomincerebbe a piangere.

Verso i quattro mesi, il piccolo può essere già in grado di distanziare maggiormente i pasti e di conseguenza di mangiare cinque volte al giorno anziché sei. A poco a poco, l’intervallo con cui reclama il latte si allunga fino alla soppressione di una poppata. Nel momento in cui il piccolo si accontenta dei cinque pasti, può anche dormire per sei-sette ore di seguito senza svegliarsi.

Il problema sta tutto nell’indurlo a fare di notte, e non di giorno, questo lungo intervallo tra una poppata e l’altra. L’eventualità che il bambino mangi alle cinque del mattino e poi a mezzogiorno (saltando la poppata di mezza mattina) non è, infatti, molto vantaggiosa, mentre è utilissimo, nell’ottica di una migliore qualità di vita, che il bambino faccia l’ultima poppata a mezzanotte in modo da riuscire a dormire fino alle sei o, meglio ancora, alle sette del mattino successivo.

Ma fino a quando il piccolo ha bisogno di mangiare ogni tre e mezzo-quattro ore e quindi chiede la poppata anche di notte, è fondamentale organizzarsi al meglio allo scopo di risparmiare le forze. Dunque vediamo qualche semplice accorgimento che potrebbe essere d’aiuto.

Se allattato al seno è una buona idea tenere la sua culla accanto al letto, in vista della poppata di notte fonda. Il seno va offerto non appena si mette a piangere. Prima e dopo questa poppata non è necessario cambiargli il pannolino ma rimetterlo subito nella culla. Lavaggi e cambi possono essere tranquillamente rimandati alla poppata successiva e, naturalmente, essere fatti prima e dopo la poppata della mezzanotte circa. E’ importante in questa occasione stendere sul sederino un abbondante strato di crema protettiva (per esempio all’ossido di zinco) in modo da tenerlo al riparo dal rischio di irritazioni anche se il pannolino, per una volta, non viene cambiato.

Se è allattato con il biberon, conviene semplificare le poppate notturne mettendo sul comodino lo scalda biberon, la bottiglia dell’acqua e il biberon già pronto con la giusta quantità di latte in polvere. Attrezzarsi in questo modo consente di dare il biberon ai primi strilli, visto che può essere preparato in pochissimi minuti. Il biberon può anche essere preparato completamente (con l’aggiunta dell’acqua) e poi posto in frigo fino a quando il bimbo non reclama la poppata. In questo modo il late è già pronto, naturalmente scaldandolo prima di offrirlo al bambino.

E voi mamme come vi siete organizzate con la poppata notturna? Raccontateci la vostra esperienza potrebbe sicuramente essere d’aiuto a moltre altre mamme!

Immagini:
vaninwegen.blogspot.com
ehow.com

Related Posts with Thumbnails

Una risposta a “Nanna e allattamento: la poppata notturna”

  1. poppy scrive:

    Allatto al seno la mia piccola Viola che a 5 mesi ancora si sveglia durante la notte per una poppata.
    La sera le do l’ultima poppata intorno alle 22.30/23 in camera da letto con le luci soffuse e in silenzio,in modo che la tranquillità di questo momento la accompagni serenamente alla nanna anche perchè è talmente curiosa di tutto intorno a se che se dovessi allattarla ad esempio davanti alla tv o in presenza di qualcuno che magari chiacchiera, si distrarrebbe staccandosi di continuo dal seno e farebbe di conseguenza fatica ad addormentarsi in quanto eccitata da cio’che la circonda.
    Si addormenta invece tranquillamente e si sveglia intorno alle 4/5 del mattino reclamando la sua poppata e sinceramente non lo trovo un grosso problema nonostante la stanchezza..sarà che prima si svegliava ogni 2 ore e quindi ora per me è un grande progresso che si svegli una sola volta!o sara’ che mi piace allattare la mia bimba,lo trovo un momento davvero speciale!!

Trackbacks/Pingbacks


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

I SONDAGGI DEL BLOG DELLA NANNA

Dormire con mamma e papà: favorevoli al co-sleeping?

View Results

Loading ... Loading ...